Stampa al Platino Palladio

 

Stampa al Platino Palladio

La tecnica di stampa al platino-palladio permette di ottenere immagini in bianco e nero con una gamma tonale straordinariamente ampia e passaggi delicatissimi specialmente nelle alte luci. Questa tecnica è considerata il punto di arrivo qualitativo nella stampa fotografica in bianco e nero.
La tinta dell'immagine varia a seconda del dosaggio dei sali metallici nell'emulsione fotosensibile. Le stampe così realizzate hanno una durata nel tempo non solo superiore a quella delle stampe all'argento, ma paradossalmente anche a quella della carta su cui l'immagine è impressa.
Il supporto è costituito da fibre naturali a ph neutro. Le stampe sono eseguite a contatto da negativo dello stesso formato della stampa finale. 
La tecnologia digitale oggi permette di ottenere negativi di grande formato di qualità eccellente e con costo e tempi di realizzazione inferiori. L'originale di partenza può essere un file, una stampa  o un negativo tradizionale; in questi ultimi due casi è necessaria una scansione o una riproduzione fotografica dell'originale. Il file viene quindi elaborato: il negativo per la stampa al platino-palladio deve infatti avere caratteristiche di densità e gamma ben precise. La stampa avviene su Pictorico OHP; si ottiene così il negativo digitale adatto alla stampa sotto luce UV sulla carta scelta.